Cheesecake al limone

Cheesecake al limone

Le temperature per questa settimana sono previste bollenti quindi ho deciso di iniziare la settimana all’insegna della freschezza con la cheesecake al limone.

Questa cheesecake al limone è nata per l’esigenza di utilizzare il succo di alcuni limoni di cui avevo già prelevato la buccia, ma si è rivelata talmente deliziosa che ho deciso di proporla anche a voi!

Prepariamo insieme la cheesecake al limone.

 

per uno stampo a cerniera da 22cm

per la base:

200g biscotti secchi

100g burro

 

per la crema:

250g philadelphia

500g yogurt bianco

120g zucchero semolato

8g gelatina in fogli

60ml succo di limone

 

per la gelatina al limone:

150ml acqua

60ml succo di limone

80g zucchero semolato

6g gelatina in fogli

Foderate lo stampo a cerniera con carta forno. Tritate finemente i biscotti e mescolateli con il burro fuso. Versateli all’interno dello stampo e compattateli con il dorso di un cucchiaio. 

Mette in frigo e iniziate a preparare la crema.

Mettete a bagno la gelatina in acqua fredda per 10 minuti. Nel frattempo mescolate in una terrina capiente lo yogurt con il philadelphia. In un pentolino mescolate il succo di limone con lo zucchero. Scaldate mescolando fino a sfiorare il bollore, spegnete e unite la gelatina strizzata. Mescolate fuori dal fuoco fino a quando la gelatina è ben sciolta. Lasciate intiepidire e versate nella crema di formaggio. Mescolate bene e versate la crema sopra la base. Livellate con una spatola e trasferite in frigo per almeno 4-5 ore. 

Preparate ora la gelatina al limone. Mettete a bagno in acqua fredda la gelatina. In un pentolino mescolate acqua e zucchero e scaldate fino a sfiorare il bollore. Togliete dal fuoco e unite la gelatina strizzata e il succo di limone. Mescolate fino a completo scioglimento. Lasciate raffreddare.

Quando la gelatina ha raggiunto la temperatura ambiente riprendete la torta e versate sopra la gelatina. Sarà liquida, ma è normale! Rimettete la cheesecake al limone in frigo per altre 4-5 ore prima di  sformarla e servire.

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *