PANNACOTTA TRE GUSTI

PANNACOTTA TRE GUSTI

La pannacotta è uno di quei dolci a cui non so resistere e per questa uscita di Idea Menù ho voluto esagerare e proporne una con addirittura tre gusti.
Il tema di questo menù è il colore bianco e io ho giocato con il bianco della pannacotta alla vaniglia e il beige di quella alla nocciola con il tocco del gianduia per spezzare cromaticamente ed armonizzare un po’ il tutto. 
Sembra un dessert complicato, ma basta aspettare i giusti tempi tra uno strato e l’altro e il risultato è assicurato!

per 6-7 porzioni

gusto gianduia

200ml panna fresca
2 fogli di gelatina
3-4 cucchiaini di crema gianduia

per il gusto nocciola

200ml panna fresca
2 fogli di gelatina
3-4 cucchiai di crema di nocciole

per il gusto vaniglia

200ml panna fresca
2 fogli di gelatina
35gr zucchero a velo
1/2 baccello di vaniglia
(io ho usato la stecca già privata dei semi precedentemente)

Iniziate con lo strato al gianduia. Mettete a bagno in acqua fredda i fogli di gelatina. In un pentolino scaldate la panna fino a sfiorare il bollore. Spegnete e aggiungete la gelatina strizzata. Mescolate bene per farla sciogliere e unite la crema gianduia (io ho usato quella Novi). Iniziate con 3 cucchiaini, mescolate bene e assaggiate prima di aggiungere eventualmente un altro cucchiaino di crema. Mescolate bene e se necessario utilizzate il frullatore ad immersione per rendere omogeneo il composto. Versate la panna cotta nelle coppette che avete scelto per il vostro dolce e riponete in frigo per 4-5 ore. Trascorso il tempo di riposo iniziate a preparare il gusto nocciola. Mettete a bagno in acqua fredda la gelatina. Scaldate la panna fino a sfiorare il bollore, unite la gelatina strizzata e la crema di nocciole (io ho usato quella Lidl). Come nello strato precedente se necessario aiutatevi con il frullatore ad immersione per rendere omogenea la consistenza. Versate la panna cotta negli stampini sopra allo strato al gianduia e riponete in frigo a rassodare per altre 4-5 ore. Preparate ora il gusto vaniglia. Mettete a bagno in acqua fredda i fogli di gelatina. In un pentolino versate la panna e unite lo zucchero a velo e mescolate bene per farlo sciogliere. Unite il pezzo di stecca di vaniglia e scaldate il tutto fino a sfiorare il bollore. Spegnete e rimuovete la stecca di vaniglia. Aggiungete la gelatina strizzata e mescolate bene per farla sciogliere. Aggiungete anche l’ultimo strato di panna cotta nelle vostre coppette e riponete in frigo ancora per 4-5 ore. Per ottenere una buona presentazione gli strati devono essere di spessore abbastanza omogeneo. 
Togliete le vostre coppette dal frigo e servite. 
Si conservano in frigo per 2-3 giorni al massimo.

Ecco il resto del menù:

da Carla l’antipasto: sformato di finocchi con fonduta allo stracchino
da Laura il primo: pasta al forno bianca con cavolfiore
da Paola il secondo: pollo allo yogurt
da Sabrina la 5° portata: insalata di finocchi, arance e mele con aceto balsamico e miele